Rete Freire – Boal

rete Freire“Popoli in Arte ha promosso la nascita in Italia di un network di educazione popolare con grande impegno dal 2010, cercando contatti dal mondo accademico a quello di base dei movimenti. Ha trovato l’interesse per il progetto nella cooperativa Giolli di Montechiarugolo PR, che da anni si occupa sul piano teorico e su quello pratico della diffusione del Teatro dell’Oppresso e del pensiero di Augusto Boal in Italia. Da questo felice incontro si sono aggregati altri, singoli e gruppi informali, che hanno voluto condividere le teorie e le pratiche dei due intellettuali brasiliani Freire e Boal, credendo nella valenza trasformativa della parola e dell’azione teatrale secondo Freire e Boal, nel contesto socio – politico italiano.

Sono seguiti anno dopo anno seminari estivi (Ceriana IM, 2010, Casaltone PR, 2011, Veano PC, 2012, Monterano VT, 2013, Veano PC 2014, Cataeggio VA, 2015, Modica RG, 2016, Padova 2017 Vallecrosia 2018 e Fiavé TN 2019) in cui si confrontate pratiche, metodologie e tematiche di forte interesse comune come la “Crisi” e pian piano è nata la consapevolezza di formare un soggetto comune “la Rete Freire – Boal” che ha visto un passaggio concettuale ed organizzativo nel seminario svoltosi in Sicilia a Modica nel 2016.

Dal 2017 si è cominciata una riflessione politica intorno alla politica dal basso che ha avuto un suo primo seminario nel gennaio 2017 a Casaltone PR un secondo seminario nel dicembre 2018 e un terzo seminario nel maggio 2019.

.

La Rete Freire – Boal ha contatti di singoli o gruppi attivi in Liguria, Piemonte, Veneto, Trentino, Lombardia, Friuli, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Abruzzo, Calabria, Puglia, Sicilia”.